Le differenze tra le tubazioni in PVC e polipropilene

Le differenze tra le tubazioni in PVC e polipropilene

Le differenze tra le tubazioni in PVC e polipropilene

Il mercato dei polimeri è in costante evoluzione e sta subendo inoltre gli effetti di una crisi generalizzata dovuta alla pandemia, che ha in più casi ridotto l’approvvigionamento delle materie prime, con conseguenze su tutto il ciclo produttivo e di vendita. In un contesto come quello descritto, e considerando anche l’evoluzione tecnologica dei materiali, è fondamentale fare chiarezza per scegliere le migliori soluzioni impiantistiche. Partiamo da una differenza importante: tubazioni in PVC e tubazioni in polipropilene.

Tubi in PVC

PVC sta per polivinilcloruro, un tipo di materiale polimerico vinilico a base cloro. Esistono diverse tipologie di tubazioni in PVC: monostrato e a più strati.

Si tratta di tubazioni che presentano buone caratteristiche meccaniche, ma la resistenza al calore è limitata a 60°C nel caso del PVC-U. I tubi in PVC hanno un’ampia varietà di applicazioni: sono solitamente utilizzati per impianti in pressione di approvvigionamento idrico, drenaggio, irrigazione, raccolta acqua piovana. I tubi in PVC sono anche noti per essere durevoli e leggeri, il che li rende apprezzati soprattutto nei suddetti impieghi.

Tubi in Polipropilene

Il polipropilene è un materiale polimerico che consente anch’esso la realizzazione di tubazioni leggere e facili da trasportare. I tubi in polipropilene, come generalmente tutti quelli realizzati in materiale polimerico, hanno uno strato interno molto liscio rispetto ad altri tipi di tubi (ad es. quelli di acciaio), garantendo così un attrito minimo e basse cadute di pressione durante il trasporto e la distribuzione dei fluidi veicolati.

Utilizzati per l’idraulica e per il riscaldamento sino dagli anni ’80, i tubi in PP-R offrono anche una buona resistenza chimica. Le tubazioni in polipropilene hanno un’elevata resistenza al calore e un buon comportamento anche alle basse temperature. Per questo motivo e per l’atossicità del materiale sono ideali per il trasporto dell’acqua potabile. I manufatti in polipropilene si caratterizzano anche per la facilità di installazione che avviene per polifusione, lavorazione semplice e rapida, con alta affidabilità nelle giunzioni.

Tubazioni in PVC e in polipropilene: un confronto diretto

Analizzando in particolare alcune caratteristiche di tubazioni in polipropilene e PVC, se ne possono comprendere meglio le intrinseche differenze.

  • Materia prima

Il polipropilene presenta le seguenti peculiarità: resistenza alle alte temperature (di picco fino a 110 °C), leggerezza (densità inferiore a 1 g/cm³), possibilità di giunzione per termofusione, elevata resistenza chimica.

Il PVC ha le seguenti caratteristiche: ridotta resistenza alle alte temperature (max. 60°C), una densità ben superiore, necessità di verificare il rilascio di cloruro di vinile monomero e impossibilità di giunzione per termofusione. Superiore per quanto riguarda la resistenza alla fiamma ed economicità.

Le rispettive peculiarità delle materie prime si riflettono pertanto sulle caratteristiche dei manufatti realizzati con gli stessi.

  • Costi

Il prezzo delle tubazioni varia in relazione alla tipologia, agli spessori e ai diametri. A prescindere dal costo in sé della tubazione, vanno invece considerati i costi complessivi in funzione del tipo di applicazione, della manodopera e della durata dell’impianto.

  • Installazione

L’installazione di tubi in polipropilene è molto conveniente grazie, come visto, alla saldatura per polifusione, senza l’impiego di prodotti chimici. Tutti questi fattori si riflettono in un basso impatto ambientale e costi limitati.

Performance dei tubi in materiale polimerico

Rispetto ai tradizionali sistemi di tubazioni in metallo, i materiali polimerici non presentano il fenomeno della corrosione.

La conduttività termica rispetto ai materiali metallici è molto bassa, con conseguente migliore efficienza energetica dei sistemi e minori costi di isolamento.

Applicazioni differenti

I tubi in PVC sono ampiamente utilizzati in varie applicazioni, a partire dalla distribuzione dell’acqua, alla raccolta delle acque reflue e acqua piovana. A causa della scarsa resistenza alle alte temperature presentano invece dei limiti negli impianti termici.

Il polipropilene ha una vasta gamma di applicazioni, che includono: impianti idrico-sanitari di acqua calda e fredda, sistemi di riscaldamento, trasporto di prodotti alimentari liquidi, aria compressa e trasporto di sostanze liquide aggressive (per le quali viene effettuata una preventiva valutazione di compatibilità).

L’evoluzione del Polipropilene

La ricerca continua della qualità e dell’innovazione che contraddistingue da sempre Aquatechnik, ha portato a perfezionare i materiali base utilizzati per la realizzazione di tubazioni e raccordi sempre più performanti.

Il sistema fusio-technik, nato nei primi anni’80, utilizzava il Polipropilene Random 80, PP-R 80

Curva di regressione ISO 9080 del PP-R 80

Negli anni ’90 viene introdotta una seconda innovazione: il materiale della gamma fusio-technik in PP-R 80 viene sostituito dal Polipropilene Random 80 Super, che conferisce prestazioni superiori.

 

I vantaggi del PP-R 80 Super riguardano in particolare la riduzione dello spessore, a parità di prestazioni, che comporta facilità di installazione in svariati ambiti.

Un passo decisivo ha poi riguardato la realizzazione di sistemi di tubazione fibrorinforzate, nel cui strato centrale viene coestrusa una speciale miscela con fibre: con questa tecnologia si sono così ridotte le dilatazioni termiche lineari delle tubazioni del 70 % rispetto alle tubazioni monostrato, il che ha consentito applicazioni tecnologicamente sempre più importanti.

Successivamente è stato introdotto una materia prima di ultima generazione (PP-RCT) dotata di migliorate caratteristiche termo-meccaniche.  Grazie poi all’aggiunta di un pacchetto di additivi denominato WOR (White Oxidation Resistance) si sono ulteriormente migliorate le prestazioni alle alte temperature e ottenuto l’accrescimento della resistenza all’attacco ossidativo del polipropilene per effetto di sostanze che possono essere disciolte nell’acqua (tipo agenti di potabilizzazione).

La gamma fusio-technik di Aquatechnik

Caratterizzata dall’elevata resistenza alle alte temperature e alla pressione in esercizio, la gamma fusio-technik propone soluzioni idonee alle più disparate esigenze degli installatori.

Tubazioni monostrato:       

fusio-technik SDR 6

Superflux SDR 7,4

Fusio-technik rain-water SDR 11 (specifica per acque di riciclo e recupero – non idoneo per uso potabile)

 

Tubazioni pluristrato fibrorinforzate (con strato interno in PP-RCT / WOR)

Fiber-T SDR 7.4

Fiber-Cond SDR 11

Fiber-Light SDR 17,6

UVRES SDR 7,4-11 (con additivi nello strato esterno che garantiscono una elevata resistenza e durata all’esposizione diretta dei raggi solari)

Le soluzioni Aquatechnik per impianti idrotermosanitari sono innumerevoli e ognuna risponde a esigenze specifiche, con tutti i vantaggi del materiale base, il polipropilene, migliorato dall’innovazione che guida la nostra filosofia aziendale fin dalla fondazione. Contattaci per maggiori informazioni.

Condividi questo post